Strict Standards: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /usr/local/psa/home/vhosts/salaumberto.com/httpdocs/templates/teatroragazzi-01/index.php on line 31 Strict Standards: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /usr/local/psa/home/vhosts/salaumberto.com/httpdocs/libraries/cms/application/site.php on line 272 Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /usr/local/psa/home/vhosts/salaumberto.com/httpdocs/templates/teatroragazzi-01/index.php on line 31

Rodisio/Tak Theater Liechtenstein

 

19 - 20 GENNAIO 2017
CAINO E ABELE

di Manuela Capece e Davide Doro
con Florian Piovano e Luca Pozzati

 

Questa storia antica racconta di un vincitore e di un perdente. Caino e Abele si vogliono bene, perché sono fratelli e, come tutti i fratelli, giocano, combattono, si aiutano. Poi, come nella vita di tutti, arriva il giorno di una prova, una sfida, forse un rito che segna il loro passaggio all’età adulta. Vince Abele, Caino perde. Caino perde e non riesce ad accettare la sconfitta perché chi perde è sconfitto, chi perde è il debole, l’escluso. Caino ha paura, il suo cuore e la sua mente si confondono.


E così, la prima cosa che Caino pensa è uccidere il fratello. E lo fa. Compie un’azione violenta e irrimediabile e si dispera per sempre. Questa storia ci serve perché ci fa ricordare. E perché ci permette di parlare di questo nostro mondo oggi che continua a non saper perdere, che non vuole perdere mai. La sconfitta non è ammessa, la paura nemmeno. E lo devi imparare subito, fin da piccolo. La violenza di oggi è quella di quel tempo lontano. Il perdente è escluso.
La risposta deve essere sempre violenta. Perché? Non ci sono altre possibilità? Altre soluzioni?


Una storia privata dei suoi aspetti religiosi, prendendo dalla Bibbia e dal Corano i passaggi fondamentali di un intreccio topico, per arrivare ad una narrazione simbolica e contemporanea. E’ raccontata con la danza hip hop, una street dance che affonda le sue radici nella ribellione degli anni 70, che mescola stili differenti e gioca con il ritmo. I nostri Caino e Abele sono due giovani breakers, due danzatori non professionisti, due ragazzi che sono abituati a ballare per strada. E’ una storia raccontata con molte parole, alcune domande, tantissime immagini: dall’arte primitiva e aborigena alla street art, dal graffitismo americano, europeo, sudamericano alla Pop Art… suggestioni, immagini evocative che ci parlano di forti sentimenti.

 

età consigliata: 11/13 anni - 14/19 anni
Tecnica: teatro d'attore e danza
Durata: 60 minuti + 30 min. di dibattito con la compagnia