Strict Standards: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /usr/local/psa/home/vhosts/salaumberto.com/httpdocs/templates/teatroragazzi-01/index.php on line 31 Strict Standards: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /usr/local/psa/home/vhosts/salaumberto.com/httpdocs/libraries/cms/application/site.php on line 272 Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /usr/local/psa/home/vhosts/salaumberto.com/httpdocs/templates/teatroragazzi-01/index.php on line 31

Charioteer Theatre e Piccolo Teatro di Milano
IN LINGUA INGLESE

13-14  MARZO 2017
Charioteer Theatre e Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa
in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia, sede Lombardia
in collaborazione con Shakespeare Lives | British Council | the GREAT Campaign
SONSOFGOD
di Jen McGregor
con Michael Cooke, Stefano Guizzi, Daniel Hird, Renee Williams
e con la partecipazione in video di Aaron Jones

liriche RAP di Jen McGregor | musiche di Davide Borri e Oltre Prod | lighting designer Manuel Frenda | costume designer Simona Paci
video di Stefano Teodori, Monica Fenu and School of Cinema of Milan | materiale didattico a cura di Mark Bolsover | sovrattitoli italiani di Carlotta La Floresta
regia di Laura Pasetti

 

 

13 MARZO h. 21.00 / 14 MARZO h. 10.30

 

#SonsOfGod è una riflessione sulla società e i suoi valori: nell’epoca dei social network e degli smartphones essere costantemente connessi è l’unico modo per affermare la propria esistenza.
Nella “democrazia” di internet ciascuno può esprimersi, commentare e giudicare. Molte volte il popolo del web può essere spietato, proprio come quello dell’antica Roma.
Come già accade nei talent show, è il pubblico che regna sovrano e ha il potere di decidere la sorte dei concorrenti.
Oggi il potere infatti non si misura più con la supremazia militare, con il possesso di terre o con il dominio su un popolo. Oggi il potere viene dai media. La nostra stessa identità viene messa in discussione dal potere del web e dei social.

Se il popolo di Roma fosse il popolo di Facebook?
Se il potere oggi fosse dato dalla quantità di LIKE che si hanno sul proprio profilo?
Eccoci nel 2040 dove il canale tv Tribuneonline trasmette in continuazione notizie e aggiornamenti riguardanti il programma più seguito di tutti i tempi: le sfide di “Sons Of God”. Per mantenere l’equilibrio tra i popoli si organizzano dei giochi di guerra dove i giovani eroi partecipanti si sfidano in battaglie mortali. Ogni momento della sfida e della sua preparazione viene registrato, trasmesso e commentato in diretta su Tribuneonline.
In una società dove la voce del popolo e del web ha il peso di decidere della tua vita, apparire è l’unica regola. Eppure ad un ragazzo non piace, a lui interessa solo combattere per se stesso. Forse non ha capito le regole del gioco? Forse non ha capito come si fa a sopravvivere?
La voce dei giocatori è intervallata dagli interventi dei followers che inviano i loro video messaggi per sostenere o commentare i partecipanti.

Una voce su tutte scandisce i momenti salienti della storia rappando con sarcasmo racconta al pubblico come si vive qui, oggi, in questa Roma virtuale, dove l’unica cosa vera è il sangue che viene versato. Il sangue di chi non obbedisce al sistema, che sta scomodo, non fa audience.

 

IL PROGETTO #SONSOFGOD
una coproduzione #CharioteerTheatre e #PiccoloTeatroDiMilano-Teatro D’Europa
con il sostegno della British School of Milan “Sir James Henderson”

L’idea principale da cui nascono questi spettacoli, Acting Out! e #SonsOfGod, è quella di avvicinare i giovani ai temi affrontati da Shakespeare nell’opera di Coriolano. Lo scopo è quello di creare una storia parallela a quella del Bardo, attualizzandone il contesto.
Per realizzare il progetto #SonsOfGod Charioteer Theatre ha coinvolto due giovani drammaturghi scozzesi Jen McGregor e Duncan Kidd che hanno avuto il compito di trasportare le vicende del Coriolano ai giorni d’oggi. La loro sfida è stata quella di trovare il modo di trasmettere al pubblico l’attualità dei concetti e delle situazioni proposte da Shakespeare.

Il dramma di Coriolano è una delle opere di William Shakespeare meno rappresentate. Probabilmente la vicenda narrata appare lontana dal nostro tempo ed i monologhi presenti nel testo risultano troppo prolissi. Questo accade perché i testi riflettono il modo di esprimersi del tempo mentre oggi i social media e la comunicazione chi ha abituato ad usare un linguaggio più incisivo. Basta pensare ai 140 caratteri a disposizione per un tweet o al diffuso utilizzo di abbreviazioni anche nel linguaggio quotidiano.

 

 

età consigliata: dai 14 anni
Tecnica: teatro d'attore e video
Durata: 75 minuti + 20 min. di workshop con la compagnia

 

FEEDBACK
“ Molto coinvolgente! Bene i sottotitoli perché aiutano i ragazzi più deboli”
S.M.S Morante – Garbagnate Milanese

“Molto interessante l’adattamento! Recitazione molto alla portata di un pubblico giovane”
IC De Andreis – Milano

“Mi è sembrato innovativo nei media usati e nel coinvolgimento del pubblico”
I.I.S Majorana – Cesano Maderno

“ Lo spettacolo mi è piaciuto molto. Molto bello è il lavoro con i ragazzi delle scuole”
“Fantastico! Mi ha aperto un mondo, grazie!”
I.I.S Cardano – Milano

“Sicuramente interessante e stimolante per dibattere sui temi attuali che lo spettacolo ha proposto”
Maria Ausiliatrice – Milano

“Un buon mix tra Shakespeare e attualità. Utile il rapper per illustrare i temi. Appealing”
“Studenti entusiasti! Ottimo l’inserimento del rap!”
I.T.A.S Giulio Natta – Milano

“Molto interessante! Complimenti per la ricerca e la sperimentazione mischiando generi (Rap, Teatro, Video)
Liceo Artistico Boccioni – Milano